Lenzuola Di Silenzio

Si distende la notte e tu
avvolta dalle stelle,
sei pronta a svernare. Vai!
Abbandona i girasoli
cammina in questo mondo che si schiude
lasciami il peso dei discordi inutili.
Immergiti nel sonno
riposa sull’acqua, sognami!
E solo allora…
solo allora non sarò un’illusione
ma la mano che ti accarezza
tra bianche lenzuola di silenzio.

(da SIGARETTE – Venti Poesie Per Smettere Domani)

Tre poesie per tre orari topici

I.

Non c’è suono di cicale,
all’alba.
C’è solo il canto dei torni,
di api su boccioli d’acciaio.

II.

Torno a casa per la pausa pranzo.
La tovaglia è già stesa sul tavolo, dal mattino
e su di essa un piatto con bicchiere e posate.
Per il mio stomaco
un piatto di pasta, una marmitta di insalata
e niente vino,
che devo restare leggero.
Per il mio spirito, invece
riservo un pisolino di dieci minuti
in cui addomesticare la stanchezza,
l’umore cattivo della scimmia.
In questo breve spazio, noi che rientriamo
siamo la fame del mondo
siamo la stanchezza del mondo
e non abbiamo buoni pasto
da appendere allo spago teso da un muro all’altro
ma magliette pregne di sudore, bandiere
che non resteranno mai ferme nella corrente.

III.

Tutto tace alle diciassette:
il compressore dell’aria
le morse sopra i tavoli
e il carrello degli attrezzi.

Non c’è alcuna vita, all’uscita; soltanto
un cane che latra laggiù, a oltranza.

rsk

Focus

Dimmi,
ce l’hai presente
lo scarabeo stercorario?
Quello che compone palline d’escrementi
e le fa rotolare lungo il tragitto.
Che poi,
io credevo fosse l’unico,
e invece no,
l’ho visto su Focus.
Ce n’è uno cornuto,
ad esempio,
e le palline lui non le fa,
lui scava un tunnel nel terreno,
sotto allo sterco,
che la femmina poi ci depone le uova,
e se ne sta lì,
a sorvegliare l’entrata,
per ore.
E adesso attenta, ascolta;
i rivali più piccoli lo sanno
di non poter competere,
in battaglia,
e allora
scavano un secondo tunnel,
congiunto all’altro,
e ci entrano indisturbati,
nel primo,
a fecondare, svelti, la femmina,
che i guardiani
non sospettano mica arrivare dal basso,
i pretendenti.
Ma di questi minuti ingegneri
nessuno parla
e passa inosservata
la loro impresa d’amore.
Ecco,
adesso guardami, tesoro,
guardala bene
questa piccola creatura
e dimmi
che almeno un poco ci somiglio,
agli stercorari,
quando ti prometto
che per raggiungerti
traccerei nuove strade,
anche fosse per difendere
un incontro fugace
con la tua pelle.

Marina Santini

(Da) Quando C’è Stata La Crisi

Quando c’è stata la crisi ci hanno comunicato
che nessun operaio sarebbe stato licenziato
e che avremmo lavorato come pagliacci tristi di un circo
senza fare ore di straordinario.
Quando c’è stata la crisi ci hanno assicurato
che lo stipendio non sarebbe stato toccato
e che avremmo fatto cassa integrazione
al venerdì, per otto settimane.
E non era malaccio, lo ammetto
anche se i lotti produzione erano di poche unità
e i cambi macchina più frequenti
e si correva il doppio, il triplo, il quadruplo
e le tute a fine giornata erano sempre più nere e tramortite.
Ma quando è passata la crisi a me non hanno detto
che mentre il principale ringalluzzito
si sarebbe comprato un mezzo nuovo,
in crisi ci sarei finito io,
che dalle corse di allora
vedo le mie vene sfilacciarsi, finire in brandelli,
diventare da azzurre a color rame
e sembrare cavi di qualche schema elettrico transumano
tanto da pensare
che io sia diventato una specie di tornio mannaro
il quale si trasforma non appena comincia il turno diurno.

rsk

Festival della poesia (Aversa, 22-23 giugno) – Programma

Inverso - Giornale di poesia

SABATO 22 GIUGNO

18.30 – 18.45

Apertura

18.45 – 21

Presentazione libri

L’ignoranza della polvere, di Luca Crastolla
Colpa del mare e altri poemetti, di Bruno Di Pietro
Il peso della luce, di Giovanni Sepe
Sonno giapponese, di Gabriele Galloni
Shibuya Crossing, di Damiana De Gennaro

21 – 21.30

Intermezzo musicale

A cura di Nicola Abate e Andrea del
Monte

21.30 – 23.30

Letture

Con Mattia Tarantino, Gabriele Galloni, Antonio Veneziani, Giovanni Ibello, Giorgia Esposito, Bruno Di Pietro, Emilia Vetere, Luca Crastolla, Damiana De Gennaro, Giorgio Ghiotti, Federica Giordano, Vanina Zaccaria, Cataldo Dino Meo, Antonio Meo, Matteo Rusconi, Franco Paone, Enrico Ratti, Francesco Russo, Danilo Luigi Fusco, Giovanni Sepe, Pietro Romano, Lorenzo Fava, Matteo Fais, Valeria Rocco, Gabriele De Simone, Federica Picaro, Crescenzo De Luca, Ciro Piccolo, Anna Battista, Vincenzo Borriello, Ciro Terlizzo

DOMENICA 23 GIUGNO

18.30 – 20.45

Presentazione riviste

Inverso – Giornale di…

View original post 199 altre parole