Archivi categoria: Parole d’Altrove

Focus

Dimmi,
ce l’hai presente
lo scarabeo stercorario?
Quello che compone palline d’escrementi
e le fa rotolare lungo il tragitto.
Che poi,
io credevo fosse l’unico,
e invece no,
l’ho visto su Focus.
Ce n’è uno cornuto,
ad esempio,
e le palline lui non le fa,
lui scava un tunnel nel terreno,
sotto allo sterco,
che la femmina poi ci depone le uova,
e se ne sta lì,
a sorvegliare l’entrata,
per ore.
E adesso attenta, ascolta;
i rivali più piccoli lo sanno
di non poter competere,
in battaglia,
e allora
scavano un secondo tunnel,
congiunto all’altro,
e ci entrano indisturbati,
nel primo,
a fecondare, svelti, la femmina,
che i guardiani
non sospettano mica arrivare dal basso,
i pretendenti.
Ma di questi minuti ingegneri
nessuno parla
e passa inosservata
la loro impresa d’amore.
Ecco,
adesso guardami, tesoro,
guardala bene
questa piccola creatura
e dimmi
che almeno un poco ci somiglio,
agli stercorari,
quando ti prometto
che per raggiungerti
traccerei nuove strade,
anche fosse per difendere
un incontro fugace
con la tua pelle.

Marina Santini

Il Tempo Perso

Sulla porta dell’officina

d’improvviso si ferma l’operaio

la bella giornata l’ha tirato per la giacca

e non appena volta lo sguardo

per osservare il sole

tutto rosso tutto tondo

sorridente nel suo cielo di piombo

fa occhiolino

familiarmente.

Dimmi dunque compagno sole

davvero non ti sembra

che sia un po’ da coglione

regalare una giornata come questa

ad un padrone?

(Jacques Prévert)

(Alba Meccanica, sole su tela, 2019

Roskaccio)

Café Trieste

almerighi

ci vediamo domani
solita ora, solito posto
per contare feriti e morti
a scontare la verità dell’Essere
a dire non so

Café Trieste, tavolini pieni,
stipato di vedove,
gravidanze isteriche e madri
i cui figli non tornano più,
porta i libri

prenderemo il solito caffé:
tu orzo, io ginseng,
non siamo avanguardia
ma ferite e lesioni
per altri

il passato, buco nero,
ha qualcosa di sconosciuto
tutto il dimenticabile
torna a esserlo,
re e regine senza gloria

ci vediamo domani,
dopo aver tardato all’eccesso
la sveglia, niente
vale la pena di un risveglio
tutto vale una primavera

e una canzone nuova,
metti un disco e riprenditi
il mio cuore infranto

View original post

Una delle voci che più di tutte ha influenzato la mia personale visione della poesia è senza ombra di dubbio quella di Luigi Di Ruscio.

Luigi Di Ruscio è un poeta operaio degli anni ’70.

Nato a Fermo il 27 gennaio 1930, esordisce nel ’53 con il libro Non Possiamo Abituarci A Morire e nel ’57 si trasferisce a Oslo dove per trentasette anni lavora come operaio metallurgico.

Muore a Oslo il 23 febbraio 2011.


Le ore sei sono l’inizio della nostra giornata

noi siamo l’inizio di tutti i giorni

inizia il giro delle ore sulla trafilatrice

che mi aspetta con la bocca spalancata

inizia la mia danza il mio spettacolo

in certe ore entra nel reparto una chiazza di sole

e lo sporco nostro è schiarito come nelle immagini dei santi

rubo il tempo per una fumata che raspa nella gola

spio i minuti sul quadrante dal grande occhio

e tutto ad un tratto ci scuote l’urlo della sirena

ci attende il riposo per la sveglia di domani

la suoneria che entra dentro i sogni esplodendoli

ed ecco un nuovo giorno della mia esistenza

con l’allegria fuori della mia ragione.