Quel Che Resta

Quel che resta
è una piccola promessa fatta
alla stazione dei treni
prima che il vagone smagnetizzasse
la distanza dei nostri bottoni,
è una poesia letta
nel sottopassaggio
a pugni stretti a denti chiusi
quasi a dimostrare
che spesso i miei sentimenti
non vanno oltre l’ombelico,
per timore.
Quel che resta
dei binari vuoti
e delle sale d’attesa piene,
delle corse in tangenziale
e delle file nei negozi,
del mio telefono che non vuole squillare
e del vociare tutto intorno,
delle edicole chiuse
e dei fogli di giornale che il vento fa camminare,
di oggi
e di noi
è questa poesia sussurrata, a stento
che a urlare ci pensa già
– sulle mie ferite –
il sale di non averti sottobraccio.
La appoggio qui, questa poesia
la appoggio qui per farmi compagnia,
sul cuore.
E spengo la luce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...