Una poesia di… AGOTA KRISTOF

Chiodi

Sopra le case e la vita
nebbia grigia lieve
con le foglie a venire
degli alberi nei miei occhi
aspettavo l’estate
più di tutto
dell’estate amavo la polvere la bianca
calda polvere
insetti e rane vi morivano soffocati
se non cadeva la pioggia
per settimane
un prato e piume viola sul prato
crescono
gli uccelli il collo dei pozzi
il vento stende sotto una sega
chiodi
puntuti e smussati
chiudono porte montano grate
tutt’attorno sulle finestre
così si edificano gli anni così si edifica
la morte

Agota Kristof

5 Comments

  1. Pensa… mio figlio che non aveva mai voluto leggere un libro, mai mai, (lui ha qualche problema, ma questa è un’altra storia) poco meno di una settimana fa mi ha detto: Hai qualcosa da farmi leggere?
    Uno shock!

    E sai che gli ho dato?
    “Ieri” di Agota Kristof.
    !!!!!!!!!!!!!
    Sta leggendo….
    (Potenza del coronavirus!)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...