Ai poeti preferisco gli autori

Condivido ogni singola parola

almerighi

Non basta scrivere poesie per essere poeti. Ci si confonde parecchio su questo argomento. In tempi in cui alla poesia mancano drammaticamente lettori, i sedicenti poeti cercano disperatamente una visibilità difficile da trovare. Alcuni esibiscono palamarès di premi da fare invidia a un olimpionico. Altri stringono improvvisate alleanze coi loro simili e si scambiano all’infinito recensioni in cambio di recensioni. Poi ci sono quelli che si mettono sotto la protezione di qualcuno più noto, altri ancora che si costruiscono il personaggio spendibile per ottenere un posto al sole. Non vale la pena perder tempo con simili squallidi.

Gli autori sono tanti, operai, casalinghe, immigrati, professionisti, pensionati, emarginati. Alcuni di loro sono dotati di buon talento e soprattutto di umiltà. Prima di scrivere, sanno anzitutto leggere. Evitano come pestilenza le così dette scuole di scrittura, e fanno bene: tanto da queste madrasse escono figuri che scrivono tutti allo stesso modo. Per…

View original post 96 altre parole

4 Comments

  1. io preferisco gli stronzi/ quelli che puzzano/hanno le piaghe/piangono e soffrono/poveri imbecilli/quelli che giocano e perdono sempre/io preferisco gli stronzi/come me come me come me/preferisco i perdenti/quelli che soffrono sino al midollo/ quelli lì quelli folli quelli che nessuno vuole/io preferisco gli stronzi…

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...