Miscellanea

La connessione cede
il computer si spegne
un acino d’uva casca dal grappolo
e rotola fin sotto le tende.
Gli dèi dello zoo di Berlino
fanno schiamazzi sulla cima dell’alba,
i poeti mutano la bruma diffidente
in aria che trangugiamo in prestito.
Ogni cosa si compenetra
si accomuna e contorce
ma noi ce freghiamo,
tu nuda distesa sul divano
io a scaldarti come fossi tepore.

1 Comment

Rispondi a almerighi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...