Téchne

Cammino male, a testa bassa.
Il sole non lo guardo in faccia
la gente la riconosco
dai passi che smuovono le ombre.
Non mangio bene.
Ingoio bocconi più grandi della bocca
lo faccio in fretta
e scivolo sulla scusa dell’abitudine.
Ho fatto del ritardo la mia arte
non chiedo scusa se arrivo dopo
e nemmeno se vado via prima.
Danzo sopra i coltelli di ogni misero taglio
e tra le piaghe tengo le forchette
con cui pettino le stelle.
Dico frasi senza peso
e per questo nessuno mi ascolta.
Non faccio ridere
siedo sempre all’angolo
e sprovvisto di un secondo di spugna
faccio a pugni con gli atomi
ma loro non si scompongono, mi osservano
come io osservo l’esistenza farsi
bella per recarsi all’ipermercato delle scontate intenzioni.
Vivo male
la carie sullo smalto del decoro
e chi non fa tesoro della propria bellezza
per regalare ulteriore bellezza.
Vado a letto tardi alla sera
per il semplice fatto che non desidero la mattina
e scrivo spesso di lingue
con cui lecco via i graffi
da una parete che non è casa mia.

rsk

One thought on “Téchne”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...